Strada del Vino

Qui si beve il vino oltre 2200 anni. Bosnia-Erzegovina patrimonio viticolo della cultura vitivinicola dai tempi illirici. I primi vigneti furono portati Traci dei Balcani. Quando si parla della storia della viticoltura in Bosnia-Erzegovina, è importante notare che questa zona era in una gamma molto più ampia di oggi. Bosnia particolare medievale era una volta, e non più tardi aderito parte meridionale (Hum), una viticoltura e paese del vino. Nel Medioevo, quasi ogni famiglia aristocratica avevano i loro vigneti. Questo è chiaramente il primo record catastali risalenti al XV dettagliate. e XVI. secolo. Con l’arrivo dei turchi, e il processo di islamizzazione della Bosnia, questa produzione nel XVI., XVII, e XVIII. A poco a poco spento, e scompare finalmente. Le cause della scomparsa delle viti in Bosnia sono molteplici, e più meritevoli frequenti guerre, perché la vite come cultura richiede un elevato grado di coinvolgimento umano. La produzione di vino è ora limitata ai bacini idrografici dei fiumi, alla regione vinicola Erzegovina con Listicka Jablanica e vigneti. Affari Wine è diventata una fonte importante di reddito in Erzegovina alla fine del IXX. secolo, quando ha registrato le prime esportazioni di vino verso l’Europa occidentale, e questa tendenza continua mercato vincente in tutto il mondo. Vinificazione in Erzegovina ha avuto i suoi alti e bassi, ma non ha mai cessato di essere il ramo principale dell’agricoltura, e possiamo dire e lo stile di vita dei viticoltori locali ljudi.Hercegovački oggi vogliono e vogliono essere riconosciuti dai loro Žilavci e Blatina varietà come unici nel mondo del vino, e presente se stesso al mondo attraverso questo vino che porta il profumo della terra e Erzegovina ferocia del sole.

vino (1)